Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

venerdì 2 novembre 2012

RIDURRE GLI STIPENDI D’ORO AI DEPUTATI? ECCO I PRIMI “NO” DEGLI ONOREVOLI


C’e’ l’onorevole che si lamenta con voce piagnucolosa che gia’ negli ultimi mesi l’indennita’ dei deputati siciliani “e’ stata decurtata di oltre quattromila euro netti”, chi sottolinea di pagare “ogni mese 2.200 euro solo di benzina” e chi grida alla demagogia. Non piace a molti deputati la proposta avanzata nei giorni scorsi dal leader del Movimento cinque stelle in Sicilia, Giancarlo Cancelleri, che si propone di chiedere il taglio netto delle indennita’ dei parlamentari siciliani fino ad arrivare a 2.500 euro netti.
Secondo il Presidente dell’Assemblea regonale siciliana uscente Francesco Cascio (Pdl) “l’ondata di demagogia ha superato ormai ilimite dell’intelligenza umana”. E spiega anche il perche’: “Spesso chi parla di tagli cosi’ netti non sa neppure di cosa parla – critica Cascio – abbiamo ridotto del settanta per cento le indennita’ per il trasporto, senza contare tutto il resto”. Ed elenca: “abbiamo tolto diecimila euro che spettavano ad ogni deputato per i viaggi, abbiamo eliminato l’indennita’ di trasporto funebre e pure i rimborsi per l’aggiornamento professionale. Non solo. Abbiamo eliminato anche il vitalizio. Insomma, basta con questa demagogia. Bisogna anche ricordarsi da dove siamo partiti. A questo punto potremmo anche azzerare del tutto le indennita’ e fare politica per missione…”. Michele Cimino, ex assessore regionale della Sicilia e che nei giorni scorsi e’ stato riconfermato parlamentare di Grande Sud, ribadisce: “E’ giusto ridurre le indennita’ ma perche’ i burocrati non danno l’esempio per primi? Anche i direttori delle Poste, dell’Eni, delle Ferrovie e di altri enti devono ridursi lo stipendio. Cosi’ come i deputati nazionali e i senatori. Perche’ deve riguardare solo noi deputati siciliani?”. “E’ giusto un piano di razionalizzazione – spiega -ma deve valere per tutti”.
Giuseppe Laccoto e’ un deputato uscente e rieletto del Partito democratico. Anche lui non digerisce molto la proposta di Cancelleri di ridurre cosi’ tanto l’emolumento dei parlamentari regionali. “I deputati devono avere la possibilita’ di espletare il proprio mandato – spiega – e con 2.500 euro al mese e’ praticamente impossibile. Forse i grillini non conoscono affatto la vita che conduce un deputato. Lo scopriranno e cambieranno idea. Lo spreco non avviene tra i deputati”. “Io sono di Brolo, nel messinese – dice ancora Laccoto – e spendo 2.200 euro al mese di benzina. Se avessi uno stipendio di appena 2.500 euro dovrei vivere con i restanti trecento euro, forse?”.
“O, secondo i grillini, dovrei fare il deputato solo virtualmente, senza spostarmi da un luogo all’altro? Perche’, piuttosto, non si riducono le spese ai gruppi parlamentari?”. “Secondo il ragionamento dei grillini soltanto chi e’ ricco di famiglia potrebbe continuare a fare il deputato – dice ancora Laccoto – Sono proposte solo virtuali che non potranno mai trovare applicazione nella realta’. Gia’ mi hanno tagliato piu’ di quattromila euro al mese…”. Lo stesso Laccoto si spinge poi oltre: “Con un’indennita’ cosi’ bassa e’ piu’ facile andare incontro ai compromessi…”. Dice proprio cosi’, il deputato. E l’ex Presidente della Provincia di Trapani, Mimmo Turano, deputato regionale dell’Udc, dice al telefono, mentre si trova sulla sua barca: “Non penso che l’elezione a deputato abbia risolto tutti i miei problemi…”. E ricorda anche le “responsabilita’ di un politico”.
E’ un po’ controcorrente il neo deputato Fabrizio Ferrandelli, eletto nella lista Crocetta: “Mi sembra una buona idea, anche perche’ lo stipendio mensile di un deputato equivale allo stipendio di un anno di un precario. Io ho fatto per anni il consigliere comunale ed ero presente ad ogni seduta e alle Commissioni, ebbene prendevo circa 1.700 euro al mese e mi ritenevo un privilegiato”. Pero’, Ferrandelli non risaprmia qualche frecciatina ai grillini: “Mi sembra che anche loro stiano facendo retromarcia – spiega – prima dicono che vogliono uno stipendio di 2.500 euro e adesso sonoa rrivati gia’ a 5.000 euro… Io non credo che sia pero’ demagogia, bensi’ un segnale di credibilita’ della classe politica. Ricordiamoci che oggi la politica e’ lontana dalla gente e il 53 per cento di elettori che si sono astenuti dal voto lo dimostrano”.
Salvatore Cascio e’ un deputato del Pid-Cantiere popolare. Si dice d’accordo sui tagli degli stipendi, ma fino a un certo punto. “2.500 euro possono bastare solo se non sono incluse tutte le altre spese, a partire dai viaggi ai collaboratori – spiega il parlamentare – Io faccio il pendolare da Ribera, nell’agrigentino, e spendo al mese circa 900 euro di gasolio. Gia’ nei mesi scorsi ci e’ stata dimezzata l’indennita’ di trasporto. Piuttosto bisogna eliminare i consulenti e tagliare le spese della politica. Tutti dobbiamo dare l’esempio. Io primo, ho fatto una campagna elettorale all’insegna della sobrieta’ spendendo circa 15.000 euro”. Una grossa cifra se messa a confronto con la media di 250 euro a candidato speso dai ‘grillini’ che hanno speso complessivamente 25.000 euro per tutti i candidati. Il deputato Toto Cordare del Pid cantiere Popolare, uscente anche lui, ricorda polemicamente che fu proprio lui, nei mesi scorsi a parlare di riduzione degli stipendi dei deputati. “Feci la proposta nell’ambito del provvedimento della spending review – ricorda – ma poi non se ne fece nulla…”.Per il parlamentare sarebbe opportuno invece “tagliare le consulenze e le autoblu, cosi’ come i dirigenti esterni. Un deputato come me se la puo’ permettere l’autoblu privata, se ci tiene proprio tanto. Quindi, perche’ usare quella di palazzo dei Normanni?”.
Anche il capogruppo del Pd Antonello Cracolici, appena rieletto, non risparmia qualche frecciata ai grillini e alla proposta di riduzione delle indennita’ ai parlamentari: “Qui giochiamo a chi la spara piu’ grossa – dice – stabiliamo un limite per la riduzione e applichiamola, ma basta con questa demagogia. Siamo stanchi. Si parla di questo perche’ non si hanno altri argomenti, in Sicilia si vive un dramma sociale e i grillini pensano che i problemi si risolveranno solo con il taglio degli emolumenti. Si va avanti solo a colpo di denagogia…”.
E a distanza Giancarlo Cancelleri risponde con una sonora risata: “Nessuna demagogia – dice – ma noi proporremo un taglio fino ad arrivare a uno stipendio di 2.500 euro al mese, piu’ il rimborso spese ma solo dietro presentazione delle ricevute. Come accade in tutti gli altri posti, basta con il rimborso a forfait. E’ finito il tempo delle vacche grasse. Basta con i viaggi a spese del contribuente per i parenti dei deputati. Subito dopo il mio insediamento a deputato, piantero’ la tende davanti alla ragioneria della regione per scoprire come fare per tirare fuori dei soldi per chi ne ha davvero bisogno. Si mettano il cuore in pace…”. E ai deputati che lamentano una spesa di 2.200 euro mensili di benzina replica a muso duro: “facciano come faro’ io. Io faro’ il pendolare da Caltanissetta e portero’ con me la bicicletta. Quindi al mio arrivo in stazione a Palermo andro’ all’Ars in bici e se dovesse diluviare prendero’ il taxi. Non ci vedo nulla di eclatante ne’ demagogico. Se si spendono 2.200 euro solo di benzina vuol dire che si ha un Porsche Cayenne, consiglio al deputato di passare a una Cinquecento…”

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.