Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

venerdì 20 febbraio 2009

Auto elettriche mai realizzate, due rinvii a giudizio

Gaetano Mobilia, presidente della società Giano ambiente, e Orazio Nicosia, presidente della Logica srl, sono stati rinviati a giudizio per truffa aggravata. Lo ha deciso il gup di Messina Giovanni De Marco, accogliendo la richiesta del pm Vito Di Giorgio, nell'inchiesta sui contributi statali per la realizzazione di auto elettriche. Secondo l'accusa la Giano Ambiente, dopo aver comunicato alla Camera di commercio l'avvio della produzione di auto elettriche, ottenne dallo Stato un contributo di circa 900 mila euro, grazie anche ad alcune fatture false emesse dalla Logica e riguardanti la realizzazione di impianti. Ma la Guardia di finanza, dopo un accertamento eseguito nei capannoni dell'ex stabilimento Pirelli di Villafranca Tirrena, che era stato acquisito dall'azienda di Mobilia, non trovò alcuna traccia di componenti per auto ma soltanto rifiuti urbani e industriali.