Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

giovedì 18 febbraio 2010

PIENA ED INCONDIZIONATA SOLIDARIETA'

Riceviamo da Bartolo Natoli e pubblichiamo:
Ma veramente riusciamo a rovinare anche questo?
Ma ci rendiamo e soprattutto (scusatemi) vi rendete conto?
Oggi grazie al lavoro CERTOSINO di un "ragazzo" come Salvatore, abbiamo la possibilità, momento per momento, di vivere la nostra EOLIANITA' in ogni parte del mondo.
Di contro che facciamo, buttiamo fango alle spalle nel momento piu' opportuno per farci belli e/o avere dei vantaggi. Che schifo!
Ma siamo noi questi Eoliani? Ma siete voi questi Eoliani? Vogliamo continuare cosi'?
Vedete, in un comune dove tutto e' complicato, in una regione dove tutto e' difficile, in un mondo dove vivere e' diventato impossibile forse il Carnevale è l'unico momento in cui, per qualche momento, non pensiamo al difficile presente ed al cupo futuro ma ci divertiamo insieme.
Cosa siamo riusciti a fare?
Partiamo dalla pubblicazione di una foto, generiamo sospetti e spariamo a zero senza pensare alle conseguenze.
Tu hai la figlia sul carro, io ho il fratello, lei hai il marito, quell'altro ha l'amante ecc. BASTAAAAA!!!! Finiamola, gia' a questo ci pensano i politici, perchè dobbiamo fare in modo di assomigliargli per forza.
Io posso assolutamente confermare, personalmente e professionalmente, la bonta' e la serieta' dell'editore che come potete vedere e leggere non ha preso nessuna posizione, come nel suo costume; ma di contro gli "altri" hanno colto l'occasione per ferirlo nella sua "passione" piu' grande.
Per tutto quanto sopra, caro Salvatore, fregatene (se puoi) mas oprattutto continua nel tuo importante ed insostituibile lavoro di PADRE-GIORNALISTA per la tua piccola SILVIA e per tutti gli Eoliani che come me ti stimano ed apprezzano il tuo lavoro.
Bartolo Natoli
NDD- Una nota quella di Bartolo (che ringrazio) che serve a mitigare l'amarezza ma non a sconfiggerla del tutto.
Caro amico, il tempo è galantuomo ed è possibile scoprire, quando meno te lo aspetti ,che le bugie hanno le gambe corte.
Potrebbe sembrare una frase senza senso ma, invece, un senso lo ha e come..
Lo ha perchè proprio stasera, mentre era in corso la sfilata, c'è stata l'occasione di un chiarimento civile tra chi scrive e due componenti ( a vario titolo) del carro "La strega". Con i due componenti della famiglia Lo Schiavo sono stati dieci minuti di serrato confronto che sono serviti a chiarire diverse cose. In particolare che in pochi avevano letto realmente quanto in effetti il lunedì era stato scritto e che si trattava invece di notizie riportate dai soliti "disinteressati" con tutta una serie di aggiunte del "narratore" di turno.
Poi per quanto riguarda il resto ci hanno "marciato" in tanti.... Ma questa non è una novità