Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 27 luglio 2013

Isole invase dalle meduse (dalla Gazzetta del sud di oggi)

Il prof. Stefano Piraino spiega il perché del fenomeno, presente in tutto il Mediterraneo, e come limitarne i danni. Uno studio approfondito già in cantiere. Consigli utili per i bagnanti

Le meduse rischiano di rovinare le vacanze dei bagnanti. Il mare cristallino dell’arcipelago da domenica scorsa è invaso da questi animaletti planctonici e urticanti a contatto con la pelle umana. Nell’isola ormai vanno a ruba maschere subacquee e retini per raccoglierle e farle sciogliere al sole prima di poter dare ad amici o familiari il via libera per un tuffo rigenerante e senza preoccupazioni. Ma per il momento c’è poco da fare se non provare a collocare delle reti a protezione dei bagnanti. E proprio quello che sarà fatto alle Eolie a fine agosto o comunque nella prossima stagione estiva grazie al progetto di monitoraggio e prevenzione” Med- Jellrisk” finanziato dall’Ue e presentato al Comune di Lipari dal prof. Stefano Piraino dell’Università del Salento e coordinatore dell’iniziativa. «I motivi della loro proliferazione – ha dichiarato – sono ancora poco chiari ma il Mediterraneo essendo un bacino semi chiuso ha una sensibilità maggiore ai cambiamenti climatici anche se si tratta di un fenomeno diffuso in ogni parte del mondo.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.