Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 26 settembre 2009

A Messina tolleranza zero per gli "untori" e a Lipari cosa si pensa di fare?

Tolleranza zero contro gli "untori". L'aveva preannunziata nei giorni scorsi il presidente di MessinAmbiente, riferendo delle prime denunce all'autorità giudiziaria relative a casi di cittadini colti in flagrante mentre smaltivano illegalmente rifiuti di ogni genere e dimensione. Ma ora il sindaco Buzzanca e l'avvocato Nino Dalmazio dichiarano "guerra" su tutto il territorio comunale: «È un malcostume che a Messina è diffuso più che in altre città, è uno sfregio all'immagine ed è anche un "buco nero" nei conti pubblici, perché per risanare i tratti deturpati spendiamo in media ogni anno più di un milione di euro».
Dall'alba del 2009 fino a ieri mattina sono state bonificate 1182 discariche abusive. Un numero enorme, a rispecchiare un fenomeno che non conosce zone di serie A o di serie B. Tre giorni fa – confermano gli uomini della polizia municipale e di MessinAmbiente – perfino a piazza Cairoli qualcuno aveva depositato suppellettili e materassi. In quel caso si è intervenuto subito, ma è la conferma che davvero si è oltrepassato il segno. E il Comune ha deciso allora di seguire altre strade rispetto anche al recente passato: stavolta niente più lamentazioni e accuse generiche, ma la meticolosa ricerca delle responsabilità. Sono state denunciate finora numerose ditte e diffidati parecchi esercizi commerciali del centro, si è ventilato il reato di inquinamento ambientale (e non solo di smaltimento illegale dei rifiuti), è stato chiesto anche il risarcimento dei danni.
Sembra una delle fatiche di Ercole. Vi sono aree dove le discariche a cielo si sono riformate anche a un'ora di distanza dal passaggio dei mezzi Nu. Vi sono casi eclatanti come quello del litorale di Maregrosso, dove nei giorni scorsi è stata posta sotto sequestro un'ampia porzione di spiaggia "sequestrata" da un privato e adibita a deposito di elettrodomestici in disuso. Era uno "spettacolo" ben conosciuto, evidenziato nelle immagini e nelle riprese televisive durante i sopralluoghi effettuati via mare dalla guardia costiera e dalla polizia municipale. Finalmente si è intervenuti.
Che si sia in presenza di una vera e propria emergenza ambientale, è fuor di dubbio. Ed è ancora più grave se si pensa che sono pochissimi, almeno in percentuale, i cittadini che fanno ricorso al servizio di smaltimento dei rifiuti ingombranti.
Il sindaco Buzzanca si appella ai messinesi: «Senza il contributo dei cittadini, la nostra è solo una lotta contro i mulini a vento. Possiamo prenderci in carico tutte le colpe del mondo, ma dovrà farlo anche chi non vuol bene a questa città. Staneremo giorno per giorno i responsabili e li obbligheremo a pagare i danni arrecati all'ambiente e all'immagine di Messina». Tolleranza zero, appunto. (Gazzetta del Sud)

NDD- Se Messina piange Lipari non ride di certo. Discariche piccole, medie e maxi e di ogni tipologia sorgono dappertutto. Elettrodomestici,mobili, materassi, sono sempre più abbandonati vicini ai cassonetti; gli stessi "prodotti" più olii esausti ed inerti vengono abbandonati ovunque a formare vergognose discariche.
Logico chiedersi cosa si fa e cosa farà l'amministrazione, forse anche l'ATO, per bloccare lo scempio e l'inquinamento ambientale.
Non si può continuare a giustificare il tutto con l'esiguità delle forze a disposizione nell'ambito della polizia municipale. E se è vero che i vigili sono pochi e non possono fare tutto, è anche vero che esistono altre strade. Ad esempio la videosorveglianza nei punti strategici, le guardie ecologiche, ecc.
Sono questi solo due esempi, sarà la pubblica amministrazione a trovare le soluzioni migliori se davvero si vuole ancora porre fine a questa vergogna e salvare l'ambiente... inevitabilmente anche con l'applicazione di multe salate (per come vanno le cose il finanziamento per la sorveglianza è garantito) e delle previste denunce all'autorità giudiziaria.
C'è realmente questa volontà? Ci auguriamo di si, altrimenti il nostro è solo tempo perso!