Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

martedì 15 maggio 2012

PASSEGGIANDO NEL DIALETTO DELLE LIPARI. Nel saggio appena pubblicato Armando Riitano ci racconta l'idioma eoliano investigandone le origini remote

A sette anni di distanza dal consenso di pubblico e critica riscosso da ANUTILI E AMMATULA - il quale ha paradossalmente indotto l'autore a dubitare del valore della sua opera -, Riitano torna ad occuparsi di quella varietà di spicco del dialetto siciliano costituito dall'eoliano, nel saggio PASSEGGIANDO NEL DIALETTO DELLE LIPARI (Edizioni "Il Gabbiano"), il quale è collegato proprio ad ANUTILI E AMMATULA, il volume del 2005 in e sul dialetto arcaico dell'arcipelago delle Eolie, in quanto nasce come intento - concordato con l'editore -di rendere pubblica la relazione di presentazione di detto libro alla giuria del premio letterario Elio Vittorini, assegnato proprio a Riitano nel 2010 - nella sezione ricerca etno-antropologica - con motivazione di "unicum" nel genere.
Nella relazione vengono illustrati i minuziosi e sorprendenti metodi di indagine con cui l'autore è riuscito a recuperare - ad esumare - un patrimonio lessicale <<profanando>, come ama dire, <<il cimitero degli idiomi>>; e si inquadra il dialetto delle Lipari nell'ampio contesto del siciliano, del
quale -come detto - costituisce varietà di rilievo, evidenziando l'importanza fondamentale che il sermone di Sicilia ebbe nella formazione della nostra lingua nazionale.
Riitano allarga poi il fronte, fino ad addentrarsi in ciò che in ANUTILI E AMMATULA era risultato fuori dagli obiettivi del poeta eoliano, vale a dire l'esposizione delle etimologie delle voci dialettali; ecco allora un nutrito elenco dal quale apprendiamo, fra l'altro, che termini i quali talora suonerebbero ai nostri orecchi come plebei, vantino invece aulica origine greca, riportandoci così idealmente ed ineluttabilmente - con una sorta di riflesso condizionato - all'aureo periodo della Lipari ellenica.
Un elenco, il suddetto, quasi giustapposto, ad una lista di parole anglo-eoliane, composte dall'adattamento alla parlata delle Lipari di vocaboli inglesi, effettuato dagli emigrati nei Paesi anglofoni. <<Tale stridente contraso lessicale,>> ci riferisce Riitano, <<valga a rendere l'incessante declino, giammai arrestatosi da quando la nostra cultura smise di essere classica: da un lato il richiamo alla favella inglese, la lingua con cui l'Occidente pronuncia oggidì il proprio cedimento culturale, dall'altro la robusta, imponente, insigne materia glottologica ellenica la quale di quell'Occidente fu gloriosa primiera dimora.
E mi riesce gradito precisare che quanto testé asserito rappresenta più di una polemica: è uno sberleffo; il disincanto di chi è conscio che non può avere senso pensare ad un domani roseo, in quanto tutt'altro ha stabilito il decreto della casta detentrice del potere, ossia gli elettori.>>

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.